LA NUOVA DIRETTIVA ACQUA POTABILE: UN SUCCESSO L’EVENTO ORGANIZZATO DA APE E WATER ALLIANCE

LA NUOVA DIRETTIVA ACQUA POTABILE: UN SUCCESSO L’EVENTO ORGANIZZATO DA APE E WATER ALLIANCE

Lo scorso 26 ottobre, 200 persone hanno partecipato al seminario “La Nuova Direttiva Acqua Potabile e Oltre”, organizzato a Cremona da APE in collaborazione con Water Alliance – Acque di Lombardia e Viveracqua.

Il 26 ottobre, duecento persone hanno partecipato al seminario ” La nuova direttiva sull’acqua potabile e oltre ” a Cremona, in Italia. È stata l’occasione per riunire una serie di parti interessate del settore idrico per discutere le diverse prospettive e le sfide poste dall’evoluzione dei quadri normativi in ​​Europa. Il seminario è stato parte integrante degli attuali vivaci dibattiti sull’acqua, che si sono svolti in tutta Europa, e si sono dimostrati particolarmente opportuni, considerando il contesto politico: il voto al Parlamento europeo sulla direttiva sull’acqua potabile ha avuto luogo all’inizio della settimana e la Commissione europea ha avviato un’ampia revisione della sua legislazione sull’acqua.
Gli sviluppi legislativi a livello UE e le continue riforme normative in diversi paesi europei esprimono il crescente interesse politico per l’acqua. Questa rinnovata attenzione può essere spiegata sia con una conoscenza scientifica emergente sulle nuove fonti di inquinamento nell’acqua, sia con una crescente richiesta da parte dei cittadini di trasparenza su come viene gestita la loro acqua. L’evoluzione dei quadri legislativi mira ad accrescere la fiducia dei cittadini nell’acqua di rubinetto di alta qualità, garantendo al tempo stesso un accesso equo e un uso sostenibile.
Le discussioni hanno evidenziato il forte impegno delle parti interessate nell’affrontare le sfide derivanti dai nuovi requisiti, ma è necessario mobilitare tutti gli attori e risorse sufficienti. Nello specifico, il dibattito ha identificato gli elementi chiave per affrontare con successo le sfide:

  • norme comuni chiare e adeguate allo scopo a livello dell’UE;
  • una distribuzione ben concepita delle responsabilità tra i diversi livelli di governance in base al principio di sussidiarietà;
  • forti quadri normativi e istituzioni che assicurano la responsabilità e il miglioramento delle prestazioni degli operatori idrici, che è anche una condizione per aumentare gli investimenti;
  • trasparenza e requisiti partecipativi che facilitano l’inclusione di tutte le parti interessate.

Gli operatori pubblici europei dell’acqua contribuiscono attivamente agli attuali dibattiti, basandosi sulla loro esperienza sul campo nel fornire acqua potabile per tutti i giorni. Soprattutto, gli operatori idrici pubblici stanno lavorando intensamente per prepararsi ad affrontare le sfide future attraverso l’adozione di un approccio olistico che li renderà attori chiave di un’economia locale sostenibile.

Il seminario si è aperto con un caloroso benvenuto dal presidente della Padania Acque, Claudio Bodini , dal sindaco di Cremona Gianluca Galimberti e dal presidente della Provincia di Cremona, Davide Viola .

Célia Blauel , Presidente di Aqua Publica e Vice-Sindaco di Parigi, ha evidenziato il coinvolgimento di Aqua Publica nello sviluppo legislativo e ha riconosciuto che i dibattiti hanno dimostrato che fornire acqua potabile a tutti a costi accessibili non è solo un problema tecnico, ma è anche un problema politico . Inoltre, afferma, la legislazione europea sulle acque deve essere collegata in modo coerente, ma anche essere collegata ad altre leggi in altri settori.

Veronica Manfredi, direttore della Commissione europea per la qualità della vita nella direzione generaledell’Ambiente, ha aperto la prima tavola rotonda sulle ” Possibili risposte alle sfide tecniche ed economiche derivanti dalla legislazione comunitaria sull’acqua “. Ha condiviso le prospettive e le motivazioni della Commissione dietro il lavoro legislativo sulla nuova direttiva sull’acqua potabile e su altri atti legislativi sull’acqua. È urgente trovare la formula giusta per gestire le risorse in modo sostenibile e per questo, dice ” tutte le parti interessate devono collaborare ”.

La seguente discussione si è incentrata sulla legislazione dell’UE sulle acque e le sue implicazioni per gli operatori idrici, in particolare su come devono adeguare le loro operazioni e su come possono garantire gli investimenti che saranno necessari per rispondere alle nuove esigenze.

Il neo-nominato Presidente di WAREG (Rete europea dei regolatori di acqua), Andrea Guerrini, ha illustrato il lavoro della rete e come può supportare i responsabili delle decisioni, con dati chiave, esperienza pratica e contributo allo sviluppo di soluzioni. La rete può contribuire a migliorare la legislazione con risparmi sui costi per le autorità e le utility e il ruolo dei regolatori nel garantire che la conformità con la legislazione debba essere meglio riconosciuta.

Gábor Till di Budapest Waterworks e Eric Smit della SWDE belga (Société Wallonne des Eaux) hanno fornito informazioni su come gli operatori si preparano ad adattarsi alle nuove esigenze previste. Mr. Till si è concentrato sui cambiamenti che dovranno essere fatti, a livello dell’operatore, per soddisfare i requisiti di qualità, mentre il signor Smit si è concentrato sulla spiegazione che l’innovazione riguarda anche nuovi modi di considerare come viene gestito l’operatore. In particolare, ha analizzato il caso dei piani di sicurezza idrica, che la nuova direttiva sull’acqua potabile dovrebbe rendere obbligatoria.

Thomas Van Gilst ha spiegato il ruolo della Banca europea per gli investimenti, la principale fonte di finanziamento dei prestiti al settore idrico mondiale. Mentre la BEI può prestare fino al 50% dei costi di investimento per progetto, si applicano alcune condizioni e la regolamentazione è un aspetto importante per un prestatore .

La seconda parte del seminario su ” Evoluzione dei quadri normativi nazionali ed europei: aumento della convergenza? “ha fornito una panoramica dei contesti nazionali , aprendo con la presentazione dei due progetti di legge italiana sulla gestione e la governance delle acque, attualmente discussi congiuntamente, e poi , espandendo per esaminare altre regioni, tra cui la Scozia e l’Irlanda, per fornire informazioni su come l’acqua è regolata. 

I membri del Parlamento italiano Federica Daga ( Five Stars Movement ) e Chiara Braga ( Partito Democratico )hanno presentato ciascuno i loro testi e il processo che ha portato alle proposte. Il contesto in Italia include un referendum nel 2011 che chiedeva l’istituzione dell’acqua come bene pubblico e i tentativi da parte del precedente governo di organizzare enti pubblici che gestiscono l’acqua, indirizzando l’intero ciclo di gestione delle risorse idriche.

Alberto Villa, Sindaco di Pessano con Bernago e Presidente della Commissione Ambiente dell’Associazione Nazionale dei Comuni, ha spiegato quanto sia essenziale combinare la gestione dell’acqua con le politiche di pianificazione territoriale, in quanto le due sono strettamente connesse. Ha anche sottolineato  che i cittadini vogliono che l’acqua del rubinetto sia buona e conveniente e che quindi siano necessari standard minimi di qualità.

I membri di Aqua Publica Europea Scottish Water, Viveracqua e Irish Water hanno presentato le situazioni nei loro paesi.

Jon Rathjen ha presentato il programma scozzese Hydro-Nation, che mira a sviluppare il valore delle risorse idriche e l’acqua scozzese. In Scozia, il sistema è pienamente pubblico e il governo riconosce l’acqua come una priorità politica. Questo è anche il caso in Irlanda: Gerry Galvin ha introdotto la serie di documenti strategici irlandesi sull’acqua e la complessa struttura di governance attorno all’Irish Water , tra cui il governo, due principali regolatori con focus diversi e due organi consultivi: il Water Forum, che rappresenta le parti interessate e l’ente consultivo per le acque, presieduto dalla commissione per la regolamentazione, hanno concluso che il cliente è centrale nel servizio. 

Paola Briani ha presentato l’esperienza di Viveracqua (Italia), sottolineando che la nuova direttiva è fondamentale per gli operatori, ma richiederà anche investimenti significativi. Ha spiegato che, oltre a molte azioni,  Viveracqua è stata in grado di realizzare investimenti attraverso il primo progetto di investimento su larga scala nel settore idrico cofinanziato dalla Banca europea per gli investimenti attraverso l’emissione di un idroelettrico da parte di un consorzio di servizi idrici. 

Alessandro Russo , vicepresidente di Aqua Publica, ha chiuso il seminario spiegando che Aqua Publica è nata dall’esigenza di contrastare la privatizzazione in Europa. Da allora, un cambiamento politico verso la gestione pubblica dell’acqua è stato osservato in Europa e nel mondo. Tuttavia, sebbene le condizioni attuali siano più favorevoli alla gestione pubblica, non sono date per scontate. Il settore pubblico deve ora dimostrare la sua capacità di rispondere alle grandi sfide del futuro. E, per fare ciò, è fondamentale capire la natura del servizio e accettare le sfide, al di fuori delle reti ideologiche. Mr. Russo ha delineato tre principi chiave per gli operatori idrici pubblici per il futuro:partecipazione, sostenibilità e un approccio olistico . La proprietà pubblica è in una posizione migliore per cooperare con altre amministrazioni pubbliche e settori, in quanto più connessa al contesto locale. Se Aqua Publica è in grado di affrontare le sfide in modo olistico, i prossimi dieci anni vedranno il rafforzamento del suo ruolo.

Related Blogs

18/05
Raccolti 36 kg di rifiuti a Toscolano Maderno Venerdì 13 maggio, a Toscolano Maderno, alcuni volontari di Acque Bresciane con la sindaca, Delia Castellini, hanno ripulito la spiaggia e i...
03/05
 Il Presidente e AD di Como Acqua, ing. Enrico Pezzoli, in qualità di Portavoce della Rete Water Alliance – Acque di Lombardia, composta dalle tredici aziende pubbliche che erogano il Servizio Idrico Integrato a circa otto...
02/05
Water Alliance – Acque di Lombardia e alcune delle aziende associate – Lario Reti Holding S.p.A., BrianzAcque S.r.l. e Como Acqua S.r.l. – hanno sottoscritto nei giorni scorsi un incarico...